• Palazzo Episcopale - Via Lissania, 2 - 88046 Lamezia Terme
  • (+39) 0968 21923
  • Palazzo Episcopale - Via Lissania, 2 - 88046 Lamezia Terme
  • (+39) 0968 21923

PARROCCHIA S. MICHELE ARCANGELO in Soveria Mannelli

Dettaglio parrocchia S. MICHELE ARCANGELO in Soveria Mannelli

Indirizzo Via Successo 88049 Soveria Mannelli - S. Tommaso (cz)
Festività La parrocchia festeggia il Santo Patrono San Michele Arcangelo il 29 settembre con solenne novenario, processione festeggiamenti civili. Festa della Madonna degli Abbandonati l'ultima domenica di luglio, con la presenza di emigrati, con novena, processione, e festeggiamenti civili. Ospita nei due giorni prima della festa (ultima domenica di luglio) una grande fiera mèta anche di molte persone dai paesi vicini.

Descrizione Parrocchia

La chiesa di San Michele A., è sita in San Tommaso (all'epoca un piccolo villaggio chiamato Fornello), frazione di Soveria Mannelli (vedi cenni storici alla pagina della Parrocchia San Giovanni B.). Fu iniziata negli ultimi anni del 1600. Inizialmente legata alla chiesa madre di Pedivigliano, la chiesa, totalmente costruita a spese dei fedeli, si pensa possa essere stata terminata entro la prima metà del 1700, ma divenne Parrocchia soltanto nella seconda metà dello stesso secolo. Nel corso degli anni l'edificio sacro è stato più volte ristrutturato e dal novembre 2001 è ancora chiuso al culto su provvedimento delle autorità competenti in quanto pericolante. Di notevole pregio sono le opere artistiche poste all'interno come il fonte battesimale, l'altare, i numerosi affreschi e le tante statue di ottima fattura e qualità. Prima di tutte vi è la statua del Santo Patrono San Michele Arcangelo in legno intagliato e dipinto, firmato e datato sulla base in basso a destra "fecit Franciscus Picano 1723". Il manufatto, opera di singolare bellezza e imponenza (cm 167x70x30), adornava probabilmente un tempo una delle cappelle laterali dell'antica Abbazia di Santa Maria di Corazzo. L'opera è in ottimo stato di conservazione, a seguito di un recente intervento di restauro (luglio 2000) che gli ha restituito la cromia originale. Si trova nel territorio una grande arena che ospita attività e spettacoli musicali realizzata dall'amministrazione comunale. Nel territorio della parrocchia (che ha circa 1400 abitanti) tra i sempreverdi pini e le maestose querce, appare agli occhi dei pellegrini la chiesa della Madonna degli Abbandonati, realizzata all'incirca nel 1890. Vi furono molti interventi e nel 1987 fu ricostruita, da parte di un gruppo di giovani e del parroco don Battista Pellegrino e messa a nuovo così come oggi appare. Negli ultimi anni l'intervento del sacerdote don Isidoro di Cello ha completato sia l'interno con banchi, altare, ecc., che l'esterno con nuovi elementi di arredo urbano. Vi è il Consiglio Pastorale Parrocchiale ed il Consiglio per gli Affari Economici. Vi sono il gruppo giovanile "il mosaico", il gruppo dei catechisti. L'archivio parrocchiale comprende i registri di Battesimo dal 1841, Cresima dal 1883, Matrimoni dal 1903, Defunti dal 1774, Comunione.Vi è la casa canonica; uno stabile adibito negli anni passati ad asilo parrocchiale e oggi al catechismo; la Chiesa Madonna degli Abbandonati; Chiesa nella frazione Colla; Chiesa nella frazione Pirillo.