• Palazzo Episcopale - Via Lissania, 2 - 88046 Lamezia Terme
  • (+39) 0968 21923
  • Palazzo Episcopale - Via Lissania, 2 - 88046 Lamezia Terme
  • (+39) 0968 21923

PARROCCHIA MARIA SS. DEL SOCCORSO in Magola

Dettaglio parrocchia MARIA SS. DEL SOCCORSO in Magola

Indirizzo C.da MagolÓ 88046 Lamezia Terme (Cz)
FestivitÓ La Festa della Madonna, preceduta dalla Novena si celebra la terza domenica di Luglio, la festa della Parrocchia a fine Settembre.

Descrizione Parrocchia

La devozione alla Madonna sotto questo titolo trae origine da una antica lauda popolare che parla del ritrovamento nella contrada di un quadro della Madonna lasciato dai francesi in epoca assai remota e collocato in una "icona". La chiesa della Madonna del Soccorso, fu costruita nel 1740 vi Ŕ una bella statua lignea della Madonna che ha in braccio il Bambino e, tenendo legato il demonio, protegge una bimba che si aggrappa alla sua veste. Un lungo cammino Ŕ stato fatto a MagolÓ a partire dagli anni '60, a cura di don Antonio Marghella, parroco della Cattedrale. Era tradizione che la chiesa del Soccorso si aprisse soltanto in occasione della novena e della festa della Madonna, fissata per la terza domenica di luglio. Un lavoro assiduo, materialmente e spiritualmente, ha permesso che da piccola chiesa campagnola diroccata e in stato di abbandono, un po' alla volta, senza aiuti esterni, ma solo con tanti sacrifici e con tanta generositÓ dei devoti della Madonna del Soccorso, divenisse un bel complesso murario. Sul piano spirituale, non Ŕ stato facile mettere insieme culture e provenienze diverse, ma si Ŕ riusciti a formare una comunitÓ viva e operosa, in continua crescita. La ComunitÓ di MagolÓ, maturando a piccoli passi, Ŕ diventata parrocchia autonoma il 15 luglio 1995. Nella prima fase di parrocchia autonoma fu retta dallo stesso parroco della Cattedrale fino alla nomina di un parroco proprio. Confina con S. Teodoro, la Cattedrale, Santa Maria degli Angeli, Fronti -Zangarona, Platania. La popolazione Ŕ in continua crescita: ai primi abitanti della contrada, che oltre alle case ristrutturate elegantemente posseggono fertili giardini, si sono unite tante famiglie di professionisti, impiegati e artigiani che hanno costruito case in proprio o hanno comprato case realizzate da operatori del settore i quali hanno saputo valorizzare l'amenitÓ del luogo.I terreni un tempo proprietÓ della Chiesa, incamerati dallo Stato, sono stati trasformati in Villa Comunale, attualmente, purtroppo, in stato di abbandono, eccetto quella parte utilizzata per i campi da tennis. L'Archivio parrocchiale inizia proprio dal 1996. Per i tempi precedenti si fa riferimento alla Cattedrale. Oltre alla chiesa, ora rimessa completamente a nuovo, Ŕ stata costruita la casa parrocchiale con autorimessa e locali per la pastorale, un ampio salone al piano terra, attualmente nei locali della parrocchia Ŕ ospitata la scuola elementare, fino a quando potrÓ diventare abitazione del parroco. Gode inoltre di ampi spazi all'aperto da utilizzare per parcheggi e feste popolari.